Benvenuto

Conosci la nostra Casa Soggiorno visitando il sito
Lunedì 17 Giugno 2019

News

La Casa Soggiorno “Divina Provvidenza” partecipa e vince

09 Giugno 2015premio

La Casa Soggiorno "Divina Provvidenza" partecipa e vince alla X edizione della Cena Sociale ANSDIPP e Gara Nazionale Ristorazione di Qualità nei Centri di Servizio alla Persona

La Casa Soggiorno "Divina Provvidenza" di S.Lucia di Piave in data 11-12 maggio 2015 presso il ristorante dell'Hotel Holiday Inn Rimini Imperiale sito in Rimini, ha partecipato alla Convention 2015 dell’ANSDIPP, Associazione dei Manager del Sociale e del Sociosanitario, che prevedeva una gara di cucina dal tema "Finger food e Dieta Mediterranea".

Al concorso hanno partecipato le strutture per anziani di diverse regioni d'Italia. Ognuna ha portato in gara un piatto della propria tradizione regionale con il relativo vino abbinato.

La "Divina Provvidenza" insieme alla Casa di Riposo "Fondazione De Lozzo Dalto" di S.Pietro di Feletto, ha presentato la ricetta "Uova mimosa finger food" che si è posizionata al secondo posto. Al primo posto si è classificata la Casa di Riposo "Padre Kolbe" di Pedavena, che insieme alla Casa Soggiorno "Don Gino Ceccon" Frazione S.Croce del Lago, ha presentato la ricetta "Frittatina di erbette di campo con mousse al morlacco del grappa".

Ricordiamo che i Centri di Servizio nominati erano gestiti dal cav. Maurillio Canzian, scomparso prematuramente il 14 aprile 2015, e fanno parte del gruppo CERIS, Coordinamento tra Enti per la Ricerca Sociosanitaria. Questa edizione della Convention è stata dedicata al Direttore Canzian, socio e promotore di numerose attività all’interno dell’ANSDIPP.

Per la gara è stato scelto il finger food, termine che è nato formalmente nel 2002 nel contesto di Expo-Gast di Salisburgo, e che fa riferimento al gustare una ricetta con una "mise en bouche". Questo piatto è stato deciso in quanto alimento "adeguato per consistenza, colori, presentazione per quanti hanno problemi di disfagia e/o coordinamento e/o di decadimento sensoriale".

L'obiettivo dell'ANSDIPP, con questa gara, è stato anche quello di "valorizzare la figura professionale del cuoco operante nei Centri di Servizio alla Persona, ed esaltarne la professionalità attraverso un concorso di cucina" utilizzando dei prodotti collegati alla tradizione locale ed al territorio.

Immagini
  • zoom_piatto
  • zoom_finger-food
  • cuoche_(5)
  • cuoche
  • targa_Direttore

Maurillio Canzian

15 Aprile 2015maurilio2010a

La Parrocchia di S. Lucia Vergine e Martire di Santa Lucia di Piave annuncia la prematura scomparsa del Cav. MAURILLIO CANZIAN, Direttore dal 1975 della Casa Soggiorno "Divina Provvidenza" di S. Lucia di Piave e poi dal 1991 anche della Villa "Don Gino Ceccon" di S. Croce del Lago (BL), sempre di proprietà e gestione della Parrocchia.

Sotto il suo decisivo apporto queste due strutture ricettive,  che complessivamente accolgono 175 ospiti anziani sia autosufficienti che non, hanno raggiunto un alto livello di efficienza riconosciuto da tutti con particolare cura verso l'ospite.

Persona infaticabile e con capacità di visione verso il futuro ha saputo realizzare importanti obiettivi per l'intera comunità, non solo quella religiosa.

Le Case di Soggiorno di S. Lucia e di S. Croce sono diventate un punto di riferimento per molte persone, non solo per gli ospiti; in questi anni sotto il suo decisivo apporto e comprendendo l'importanza del volontariato, ha dato vita a diverse associazioni che dedicano gratuitamente professionalità e  tempo alle persone più fragili .

Negli anni ha tenuto alta la formazione dei volontari, ne ha sostenuto le idee, le iniziative, l'integrazione generazionale e tutto ciò che dona migliore vita agli ospiti.

Da una sua intuizione è sorto il meraviglioso parco della Casa Soggiorno usufruito non solo dagli ospiti ma anche dalla comunità.

La sua grande capacità professionale è stata determinata anche per il raggiungimento da parte della parrocchia di importanti obiettivi come l'ampliamento della scuola materna e dell'oratorio Beato fra Claudio.

Sempre pronto e disponibile a svolgere al meglio le proprie mansioni, lascia due strutture di residenza per anziani con un personale altamente qualificato ed un'organizzazione impeccabile.

Nel corso della sua attività lavorativa, che ha raggiunto la soglia dei 40'anni, ha dedicato molte delle sue energie per migliorare il settore sociosanitario. Ha dato identità, prestigio e qualificato le residenze socio sanitarie da lui realizzate e dirette, quali:

dal 1986 la "Casa Papa Luciani", residenza per sacerdoti a S. Lucia di Piave;  dal 1987 la Casa per anziani "Padre Kolbe" di Pedavena; dal 1991 la Villa "don Gino Ceccon"; dal 1993, la casa per anziani Fondazione De Lozzo-Dalto di S.Maria di Feletto; nel 1994 apre la Comunità Terapeutica per malati psichici nel Comune di Susegana e nel 2002 apre la R.S.A. S.Giuseppe di Follina.

Per le sue capacità e competenze nell'anno 1992 viene nominato dalla Regione del Veneto quale membro della Commissione Tecnica per le strutture destinate all'accoglienza di Anziani e Disabili.

Dal 1993 al 2006 è stato presidente regionale dell'UNEBA, Ente firmatario del CCNL nazionale per il personale operante nelle strutture case di riposo.

Da sempre impegnato a difesa dei diritti degli anziani e dei disabili, ha promosso a livello provinciale, regionale e internazionale convegni, giornate studio e corsi qualificativi per coloro che operano soprattutto a contatto di queste persone.

Canzian Maurillio è stato uno dei promotori e membro del Consiglio della FONDAZIONE CARE, impegnata nel promuovere la riflessione etica e i processi di umanizzazione nel sistema della cura.

La prematura scomparsa del Direttore lascia, in tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerlo, un vuoto incolmabile.

Colleghi e collaboratori, si uniscono al profondo dolore della moglie Mara, della figlia Martina, dei nipotini e dei parenti.

                

 

S.E. Mons. Eugenio Ravignani visita i sacerdoti della Casa Papa Luciani

20 Novembre 2014DSCN5400

Da sinistra: don Noè Tamai, don Paolo Cester, Mons. Eugenio Ravignani, don Carlo Dal Pont, don Oreste Nespolo, don Marcello De Nardo, don Giovanni Battista Barbaresco, don Giuseppe Vendrame e seduti don Aldo Rojer e padre Mario Rebellato

Giovedì 20 Novembre, in occasione della Santa Messa per l'anniversario del  "XX della Beatificazione di Fra' Claudio Granzotto", S. E. Rev.ma EUGENIO RAVIGNANI si è recato in visita ai Sacerdoti della Casa del Clero Papa Luciani.

Per Mons. Eugenio Ravignani, quest'appuntamento era molto importante perchè,  nell'anno della Beatificazione di Fra' Claudio Granzotto nel 1994,  svolgeva l'importante incarico di Vescovo di Vittorio Veneto.

Eletto Vescovo di Vittorio Veneto il 7 marzo 1983, fu consacrato a Trieste nella cattedrale di S. Giusto il 24 aprile 1983 dal Vescovo Mons. Lorenzo Bellomi. La sua attività nella Diocesi a Vittorio Veneto iniziò il 15 maggio 1983 fino al trasferimento alla sede vescovile di Trieste il 4 gennaio 1997, entrò in Diocesi il 2 febbraio 1997.

Vice Presidente della Conferenza Episcopale Triveneta dal 2000 al 2009, è attualmente membro della Commissione episcopale per la Facoltà Teologica del Triveneto con la delega per gli Istituti teologici regionali. Dal 4 luglio 2009, data di nomina a Vescovo di Trieste dell’Arcivescovo Mons. Giampaolo Crepaldi, fino al 4 ottobre 2009, data del suo ingresso in Diocesi, Mons. Ravignani è stato Amministratore Apostolico della Diocesi. Da allora ha assunto il titolo di Vescovo Emerito di Trieste.

Immagini
  • DSCN5403
  • DSCN5401
  • DSCN5398
  • DSCN5395

Castagnata con gli alpini

08 Novembre 2014foto1

Il Presidente Claudio Bernardi saluta i Signori Anziani della Casa Soggiorno "Divina Provvidenza"

Immagini
  • foto2
  • LOGO_S_LUCIA_PNG

Bociofila Saranese

15 Settembre 2014foto

I campioni italiani di bocce under 14 "Bociofila Saranese" in esibizione nel campo bocce  "bocce d'argento" della Casa Soggiorno. In gioco Andrea.

Copyright © 2019 IntellySoft